mercoledì 23 aprile 2014

Io cerco sempre te

Io cerco sempre te
Ma tu non ci sei mai
Se voglio solo te
Forse non mi conosco

Se non so stare insieme
Insieme a me davvero
Tenermi tutto insieme
Andare oltre la somma

Se non c’è pace in me
Fare pace con te
È inammissibile

Se non c’è pace in te
Fare pace con me
Sarà impossibile

Io grido “Dove sei?”
Per dirti dove sono io
Ti parlo in modo che sia tu a parlarmi

Ti ascolto…
E rapito nel tuo canto
Sogno che mi ascolti
E che mi parli tanto

Parlami tanto

Delle tue paure
Del timore che si fa terrore

Dell’angoscia ancestrale
Che nell’abbraccio scompare

Parlami di te
Parlandomi di tutto il resto

E tutto il resto del tempo parlami di te

(Continua...)

[Stefano Decandia]

3 commenti:

  1. Penso di essere cieco,
    dico penso
    ma forse no.
    Come se mi mancasse qualcosa
    che non ho mai avuto.
    E` reale oppure no?
    Intendo, sentire il vuoto,
    muovere un passo verso qualcosa
    che so non essere mai esistito.

    Penso di non essere cieco
    ma vorrei tanto esserlo.
    Nessun occhio per vedere
    nessun cuore per soffrire
    nessuno specchio da nascondere.
    Non posso cadere,
    se non muovo un passo
    non posso cadere.

    Cieco o no,
    sono cieco oppure no?
    Il tempo potra` curare qualcosa
    che ho sempre saputo di non esistere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Passo Falso (Le parole dentro una scatola di Scarpe)

      Elimina